A cosa serve la borsa?

7 1 2017 - No commento
ProRealTime

La borsa serve a finanziare l’economia

La borsa consente alle aziende di finanziarsi raccogliendo capitali attraverso l’emissione di obbligazioni (titoli di credito) o di azioni (titoli di proprietà). In questo modo, le aziende possono finanziare lo sviluppo della loro attività e dei loro progetti, ricorrendo a un risparmio di lungo termine piuttosto che di breve termine come un prestito bancario. Per gli investitori (siano essi dei risparmiatori privati, degli investitori istituzionali, delle banche, ecc.), la borsa consente di investire dei capitali in cambio di una remunerazione chiamata “dividendo” e di una possibile plusvalenza se il valore del titolo aumenta. In sintesi, la borsa è il luogo dove le società che necessitano di capitali incontrano gli operatori che hanno fondi da investire.

La borsa è pertanto un autentico mezzo di finanziamento dell’economia.

Si distinguono due tipi di mercato: il mercato primario, che corrisponde alla fase di introduzione ed emissione dei titoli e noto anche con il termine inglese IPO (Initial Public Offering). È su questo mercato che la borsa consente alle aziende di finanziarsi. Una volta in circolazione, i titoli possono essere negoziati quotidianamente sul mercato secondario. È in questo modo che ogni giorno vengono scambiati, sulla borsa di Milano, diversi miliardi di euro; alcuni investitori vendono azioni, altri ne acquistano.

A cosa serve la borsa 300x169

A cosa serve la borsa?

La borsa serve a finanziare gli Stati

Gli investitori sono obbligati a pagare allo Stato, sotto forma di imposte, parte dei redditi ottenuti investendo in borsa, versando ad esempio l’imposta sulle transazioni finanziarie o quella sui dividendi e le plusvalenze. Mentre i piani individuali di risparmio offrono dei vantaggi di natura fiscale, l’investitore che utilizza un semplice conto titoli è tenuto a versare tasse piuttosto elevate sui propri guadagni, note come imposte sul reddito.

Oltre a garantire entrate fiscali agli Stati, la borsa consente loro di finanziarsi grazie all’emissione di titoli di Stato; in Italia vengono ad esempio scambiati i BTP (Buoni del tesoro poliennali). In questo caso, il risparmiatore presta denaro allo Stato in cambio di una remunerazione fissa sotto forma di cedole, con una scadenza di rimborso più o meno lunga.

La borsa serve a fornire liquidità

In borsa la domanda incontra l’offerta, apportando pertanto un elevato livello di liquidità. Si tratta infatti del luogo di riferimento per gli investitori internazionali che investono i propri capitali: ogni giorno, acquirenti e venditori di tutto il mondo concludono le loro transazioni su questo mercato. Sia le aziende sia gli Stati sono interessati a questo elevato livello di liquidità, poiché si tratta di un metodo di finanziamento indispensabile.

La borsa, uno strumento di protezione

La borsa consente a tutti gli investitori del mercato di proteggersi contro numerosi rischi (rischio di cambio, rischio di tasso d’interesse, rischio di crollo dei corsi, ecc.), in particolare attraverso i prodotti derivati. Ad esempio, le aziende utilizzano lo SWAP per tutelarsi dal rischio di cambio o lo SWAP su tassi per proteggersi dal rischio di tasso d’interesse. Nell’ambito della gestione del rischio sono utilizzati anche altri prodotti derivati quali i futures, le opzioni o i contratti a termine, sia dalle banche per gestire la propria esposizione sia dalle società per tutelarsi dalla variazione dei prezzi delle materie prime di cui hanno bisogno per la loro attività (ad esempio il petrolio per una compagnia aerea).

La borsa, uno strumento di comunicazione

Le multinazionali utilizzano oggi la borsa come uno strumento di comunicazione, soprattutto attraverso gli annunci. Per quanto la maggior parte degli operatori del mercato ricorra alla borsa per raccogliere fondi, sua funzione originale, alcune grandi società a livello globale come Google o Facebook la utilizzano per impressionare la concorrenza. La quotazione in borsa di Facebook ha infatti fatto scalpore, per mettere tutti, anche i più restii a utilizzare le nuove tecnologie di comunicazione, al corrente della forza della società. L’acquisizione per cifre da capogiro di Tumblr e Instagram da parte rispettivamente di Yahoo e Facebook è innanzi tutto una strategia di comunicazione per impressionare gli operatori del mercato, mettendo in mostra la propria potenza finanziaria.

La borsa può permettere inoltre alle aziende di medie dimensioni di farsi conoscere all’estero tramite le IPO. Inoltre, una società quotata in borsa è tenuta a conformarsi a molteplici obblighi fiscali, normativi, ecc. che rassicurano gli investitori e i clienti, rendendola più credibile ai loro occhi.

A cosa serve la borsa?
5 1 vote
ProRealTime Trading

  Perché trado i CFD e i Futures allo stesso tempo?

  Perché trado con ProRealTime CFD e ProRealTime Futures?

  Provi con un conto gratuito Demo o Reale

Condividi questo articolo, fa bene alla salute!
Twitter Facebook Google Plus Linkedin email

Nessun commento per A cosa serve la borsa?

Lascia un commento